carrello shopping online con onlive

Storia e Salute

Prima ancora della produzione di olio, dalla magnifica pianta dell’olivo si traeva un importante fonte di cibo: le olive, che venivano consumate in aceto o in salamoia. La produzione di olio è attestata a partire da V sec a.C., in particolare a Roma e nel Lazio, dove la qualità dell’olio era molto pregiata tanto che, come Plinio ricorda, dal 50 a.C. Roma esportava olio in tutte le sua province. I Romani fecero dell’olivo e dell’olio elementi di forte caratterizzazione culturale e lo definirono come “oro liquido”, incentivarono le coltivazioni di olivi e riuscirono a costruire i primi strumenti per la spremitura delle olive ed a perfezionare sempre di più le tecniche per la conservazione dell'olio, diffusero la coltura ed il commercio dell’olio di oliva, classificarono le piante di olivo ed i vari tipi di olio commerciabile, lo considerarono un importante simbolo di ricchezza e un bene di scambio, tant’è che sulle prime monete lo raffigurarono. Con la crisi dell’impero romano l’olio d’oliva divenne prezioso, raro e riservato a pochi privilegiati e alla chiesa; nel medioevo poi tornò protagonista ,poi  grazie alle Repubbliche Marinare di Venezia e Genova ne aumento in gran misura il commercio.

 

reperto storico antica roma rappresentante le olive

 

"L’olio extravergine è sempre stato una fonte primaria dell’alimentazione e della salute tanto da formare il triangolo delle tre piante sacre: olivo, vite e grano. Inoltre L’olio di oliva è stato sempre circondato da un’aurea di nobiltà e sacralità; nobiltà perché la sua pianta veniva considerata forte, longeva, amata dagli dei e venerata per le sue qualità alimentari e salutari; sacralità perché l’olio estratto dai suoi frutti veniva usato come unguento rituale nelle cerimonie religiose come tramite tra l’uomo e il divino. Era elogiato anche nei testi sacri e profani di ogni epoca è nella Bibbia viene indicato come simbolo di prosperità, gioia, forza.

L’olivo è presente anche nella storia della medicina e dell’erboristeria mediterranea da diversi millenni, infatti tutte le civiltà che si sono succedute nel suo areale originario e poi nelle aree di irraggiamento della sua coltura lo hanno utilizzato non solo come pianta alimentare, come fornitore di combustibile per riscaldare e per illuminare, ma anche come pianta medicinale; l’olio d’oliva, oltre ad essere un popolarissimo medicamento, è sempre stato impiegato come componente fondamentale di numerosissime preparazioni erboristiche, anche le foglie, sebbene in misura più limitata, sono state usate a scopo medicamentoso.

 

antica anfora romana di terracottaa rappresentante l'olio

 

La moderna cosmesi ora lo riscopre per la cura esterna della pelle, dato che l'olio d'oliva è la sostanza che meglio gli porta nutrimento, la vitamina E e i carotenoidi contenuti nell'olio di oliva contrastano l'invecchiamento delle cellule causato dai radicali liberi; controllano la produzione di melanina mantenendo giovane la pelle e contrastando nascita di macchie, rughe o smagliature; rendono l’epidermide tonica ed elastica; l'olio extravergine contiene anche lo squalene, idrocarburo presente nelle secrezioni sebacee degli esseri umani, e questo gli permette di penetrare negli strati più profondi della pelle e di riformare il filo idrolipidico, indebolito dai raggi solari e dai detergenti. L'olio d'oliva è utile anche per la bellezza e salute dei capelli, poiché li nutre, li rigenera, li protegge da smog, vento, sole. La moderna cosmesi quindi ha recuperato le proprietà di questa sostanza rivalutandola in impacchi, bagni, maschere ed emulsioni dopo-bagno, shampoo e non c’è parte del corpo che non trovi giovamento dalle splendide virtù dell'olio extravergine di oliva, insomma un alleato della bellezza.

L’olio extravergine  è considerato elemento base della dieta mediterranea ovvero quel modello alimentare ritenuto dai nutrizionisti il modello a cui bisogna ispirarsi se si vuole restare in buona salute. In cucina un buon olio extravergine di oliva garantisce l’ottima riuscita dei piatti in cui viene utilizzato.

È buono per tutte le stagioni, per tutte le pietanze e a ogni temperatura (sia freddo che caldo), quindi è ottimo per friggere, per cucinare e per condire a crudo; inoltre l’olio extravergine di oliva è tra tutti gli olii vegetali quello a più alto grado di digeribilità da parte dell’organismo umano, essendo infatti ricco di polifenoli, cioè sostanze antiossidanti che conferiscono all’olio quel gusto tipicamente vivace, leggermente amaro, fruttato e leggermente piccante, migliora appetibilità dei piatti e loro digeribilità.

L'olio extravergine di oliva occupa quindi un'importanza primaria per una alimentazione sana e corretta non solo come condimento ma anche come alimento nutrizionale fondamentale, completo e ricco anche di numerose proprietà benefiche sulla salute delle persone di tutte le età, per i bambini dato il grande apporto di acido oleico presente anche nel latte materno ; per gli sportivi perché è fonte di energia prontamente digeribile e nell'età senile in quanto limita la perdita di calcio nelle ossa.

 

olio verde al gocciolatoio

 

La sua ricchezza di grassi di origine vegetale è molto importante per dare energia e salute al nostro prezioso organismo,  infatti è considerato un toccasana per il corpo umano (se non è un farmaco poco ci manca): oggi per evitare disturbi cardiocircolatori, per rallentare i processi di invecchiamento e per vivere meglio e con miglior salute le ricerche mediche suggeriscono di mangiare e di condire ogni alimento con olio extravergine poiché ha una grandiosa azione antiossidante e cardiovascolare; aumenta la longevità; frena l'invecchiamento della pelle, diminuisce le malattie del cuore prevenendo infarti, ictus, cancro; funge da antinfiammatorio; controlla ed eventualmente diminuisce il diabete riducendo il tasso di zucchero nel sangue; facilita la funzione gastrica favorendo la digestione; aumenta l'assorbimento da parte del corpo umano di vitamine e proteine indispensabili per un sano sviluppo e mantenimento dei tessuti, riduce il colesterolo, aiuta la sana crescita del bambino stimolando unione tra tessuto cellulare e altre sostanze indispensabili allo sviluppo.

Contenendo oltre ai grassi monoinsaturi (acido oleico) e grassi polinsaturi sostanze antiossidanti come vitamina E, polifenoli, fitosteroli, clorofille e carotenoidi che esplicano un’azione protettiva per il nostro organismo, l’olio extravergine di oliva contrasta l’attività dei radicali liberi responsabili dei processi di invecchiamento e deterioramento delle strutture cellulari, della nascita e sviluppo del cancro, del danno epatico, dell’arteriosclerosi.

La conservazione di un buon olio extravergine di oliva richiede particolare cura e attenzione al fine di non deteriorarne la qualità, che può essere alterata se esposto alla luce, all’ossigeno, agli odori e al calore; di conseguenza deve essere conservato sempre nell'oscurità ovvero in silos di acciaio o in bottiglie scure, in contenitori puliti e chiusi ermeticamente per evitarne il contatto con altri odori (poiché l'olio assorbe odori e sapori) e con l’aria che gli crea ossidazione, ad una temperatura costante che non ecceda i 15 gradi e non cali sotto i 7° C, evitando sbalzi di temperatura nei locali di conservazione poiché il caldo favorisce l'ossidazione del prodotto e il freddo ne indebolisce le sostanze antiossidanti.